Il film in breve

Il titolo può fuorviare. Ottimo film prodotto da Lewton che gioca sulle ambiguità e sulle atmosfere. Qualche melodramma di troppo.

 

 

horror, film, movie, cinema, exploitation
horror, film, movie, cinema, video
film, movie, dvd, video, cinema, tv, weird
horror, film, movie, cinema, bizzarro
horror, movie, dvd, tv, video, cinema
horror, film, movie, genre, cinema
film, movie, genre, tv, dvd, cinema, donna
horror, film, movie, genre, tv, cinema, regista
horror, movie, dvd, cinema, director

HO CAMMINATO CON UNO ZOMBIE

Titolo Originale: I Walked with a Zombie Regista: Jacques Tourneur Paese: USA Anno: 1943 Durata: 69' Cromia: b/n Genere: Horror - Thriller - Romance

L'infermiera Betsy Connell (Frances Dee) arriva sull'isola di San Sebastian per occuparsi di Jessica Holland (Christine Gordon), moglie del possidente terriero Paul Holland (Tom Conway) ed obbligata a letto da una malattia tropicale che le ha bruciato il cervello. Betsy s'innamora dello scontroso Paul e, nel tentativo di trovare una cura per Jessica, porta l'inferma ad un rito voodoo. A questo punto la donna capisce che forse le condizioni di Jessica dipendono da una maledizione voodoo.

Jacques Tourneur, I Walked with a Zombie, HO CAMMINATO CON UNO ZOMBIE, locandina, poster, tv, dvd, film, horror

La frase dal film: "Dica Miss Connell, lei si considera graziosa?" "Non saprei, penso di sì" "E affascinante?" "Non c'ho mai pensato" "Meglio così. Risparmierà a lei molti guai e agli altri molte infelicità"

 

Secondo film prodotto da Val Lewton per la RKO Radio Picture, un'avventura iniziata con Il Bacio della Pantera (1942). Lewton fu il pioniere in un genere di horror psicologico abitato da posti e personaggi ambigui minacciati da eventi la cui origine sta a metà strada fra il paranormale e il "normale", cioé qualcosa che esiste solo nella mente dei protagonisti. Il titolo I Walked with a Zombie, molto forte per i tempi, in effetti non riflette del tutto ciò che viene mostrato in un film ricco di momenti sinistri ma tutto sommato misurato e farcito di dialoghi. Questo titolo di richiamo proveniva da un articolo giornalistico scritto da Inez Wallace; la RKO ne acquistò i diritti e diede a Lewton la direttiva di costruirci sopra un film. Lewton trovò che l'articolo della Wallace fosse troppo scontato in termini di soggetto e, sovvertendo le premesse, mantenne il titolo ma si ispirò al romanzo 'Jane Eyer' di Charlotte Bronte: infatti Ho Camminato con uno Zombi tratta di una governante (ok, un'infermiera) che s'innamora del padrone di casa che nasconde il segreto di una moglie malata. Alla sceneggiatura troviamo Curt Siodmak, uno degli allora più noti sceneggiatori di film di genere (soprattutto B) e stupisce la sottigliezza dei dialoghi che probabilmente può essere attribuita al fatto che lo sceneggiatiore "in seconda" fosse Ardel Wray che per Lewton scrisse anche L'Uomo Leopardo (1943) e Il Vampiro dell'Isola (1945). Il carattere ambiguo e sinistro del film viene rivelato metaforicamente fin dall'inizio dal bellissimo scambio di battute fra Paul e Batsy sul ponte della nave; questa fa un commento sul bellissimo panorama naturale fatto di mare e cielo ma è ripresa da Paul che precisa come i bellissimi pesci volanti saltino solo per evitare di essere divorati e la suggestiva fosforescenza delle acque derivi dai corpi putrefatti dei pesci: "Non c'è bellezza qui, solo morte". Considerato da molti la miglior pellicola prodotta da Lewton è, a mio parere, inferiore a Il Bacio della Pantera che aveva maggiori elementi metaforici ed un'atmosfera più riuscita. Nonostante entrambi i film basassero le loro vicende su una storia d'amore, il soggetto di Ho camminato con uno zombi risulta più letterario e, in qualche modo, più melodrammatico. La pellicola comunque non manca di momenti tetri nè di atmosfera. Su tutte la sequenza che vede l'infermiera Betsy portare al rito voodoo la catatonica Jessica, incontrando sul cammino segnali magici ed inquietanti, fino a trovarsi davanti lo zombie Carrefour (Darby Jones) caratterizzato da occhi pallati e vitrei. Ancora, a differenza de Il Bacio della Pantera che davvero si giocava su un'ambiguità di fondo lasciata intoccata dalla soluzione finale, pare che la malattia di Jessica sia davvero data dal voodoo e che comunque i riti magici dell'isola senza dubbio riescano a procurare qualche effetto. Tuttavia rimane interessante l'ambigua convivenza sull'isola di medicina e magia così come di cristianesimo e voodoo. Un titolo che fuorvierà coloro che pensano di poter vedere una pellicola d'antiquariato che tratti di morti viventi così come li conosciamo oggi, Ho camminato con uno zombi è piuttosto specchio della filosofia orrorifica di Lewton secondo la quale la paura non sta nel mostro ma nel credere ad esso. Un film da vedere per l'appassionato del genere che deve portare il dovuto rispetto ai classici.

Il film e oltre...

TRIVIA

Il film fu prodotto fra il 26 ottobre 1942 e il 19 novembre dello stesso anno.

 

Il film è stato remeccato nel 2001 col titolo Ritual.

 

Nei credits compare la scritta: "I personaggi e gli eventi mostrati in questo film sono creazione di fantasia. Ogni riferimento a persone, vive, morte O POSSEDUTE, e assolutamente casuale".

 

Edith Barrett, che recita nei panni della madre, era di soli 3 anni più vecchia di James Ellison, che recitava nei panni del figlio più giovane Wesley. Oltre a ciò, l'attrice Barrett era di 2 anni più giovane di Tom Conway che recitava nei panni di Paul, il suo figlio più vecchio.

 

Le due persone che si vedono camminare sulla spiaggia durante i titoli di testa sono Frances Dee e Darby Jones.

TRASH

Nulla da segnalare... per ora

SPOILER

Nulla da segnalare... per ora

Mobbing... e altri mali Un aiuto per coloro che hanno subito violenza psicologica al lavoro

XXI Sex La più moderna enciclopedia sessuale online!.