Il film in breve

Dove compare il nome Lewton c'è qualità. Qui Karloff dà una delle sue migliori interpretazioni. Molto bello il finale.

 

 

horror, film, movie, cinema
film, movie, cinema, video
horror, movie, dvd, video, cinema, tv, weird
film, movie, video, cinema, tv, bizzarro
horror, movie, dvd, tv, video, cinema
director, movie, genre, cinema
horror, film, movie, genre, tv, dvd, cinema
director, movie, genre, tv, cinema, regista
horror, film, movie, dvd, cinema, director

LA JENA

Titolo originale: The Body SnatcherRegista: Robert WisePaese: USAAnno: 1945Durata: 77'Cromia: b/n Genere: Horror

Edimburgo, 1831. L'assistente Donald Fettes (Russell Wade) rimane disgustato dal fatto che uno dei compiti assegnatigli dal dottor "Toddy" MacFarlane (Henry Daniell) è quello di ricevere i cadaveri trafugati dal cocchiere John Gray (Boris Karloff). Gray cerca di convincere il grande medico ad operare una bambina alla spina dorsale ma MacFarlane si lamenta del fatto che gli manchino corpi su allenarsi. Un altro shock aspetta Fettes nel momento in cui scopre che Gray uccide per procurare quei corpi.

wise, jena, snatcher, karloff, locandina, poster, 1920, dvd, regista

La frase dal film: "I am a small man, a humble man. Being poor I have had to do much that I did not want to do. But so long as the great Dr McFarlane comes to my whistle, that long am I a man. If I have not that then I have nothing. Then I am only a cabman and a grave robber."*

 

Il penultimo film di Lewton con la RKO, l'ultimo film in cui lavorarono insieme Boris Karloff e Bela Lugosi, il primo film per il quale Robert Wise ottiene un notevole successo al botteghino prima del notissimo West Side Story (1961) e dell'acclamatissimo Tutti insieme appassionatamente (1965). La Jena si basa su un breve racconto di Robert Louis Stevenson che poi sarà preso a spunto da diverse altre pellicole. Il valore de La Jena si deve soprattutto a Val Lewton che nel 1942 con Il Bacio della Pantera inaugurò la produzione di horror psicologici che si giocavano sull'ambiguità fra spiegazione paranormale e scientifica. Lewton partecipò alla sceneggiatura sotto lo pseudonimo di Carlos Keith e con questo film così come con l'ultimo prodotto per la RKO (Bedlam, 1946), cambiò approccio approdando ad un modello più oscuro e macabro. La Jena permette di assistere ad una delle migliori performance offerte da Boris Karloff: il suo John Gray è di un'ambiguità inquietante: da una parte gentile e premuroso verso i bambini, dall'altra un assassino spietato, un killer su commissione. Non male anche Bela Lugosi, per quanto messo in ombra da Karloff, in un ruolo che lo vede diversamente dal solito nei panni di un uomo non troppo brillante. Ambiguo anche il personaggio interpretato da Daniell, che si barcamena fra ambizione e sensi di colpa. Come sono sfaccettati i protagonisti così lo sono la sceneggiatura e i dialoghi. Robert Wise riesce a padroneggiare benissimo la materia e interpreta lo stile di Lawton che passa da pellicole tematicamente ambigue a storie più lineari nelle quali l'ambiguità passa attraverso i personaggi. Il bianco e nero in questo caso sa davverodare quel tocco in più al film che gioca con le luci e con le ombre della psiche dei personaggi fino ad un tragico finale; ma è la storia ad essere "maledetta" fin dall'inizio e le vicende del chirurgo senza scrupoli e del povero ladro ti tombe è impossibile che possa concludersi rose e fiori. Diciamo che La Jena è un buon esempio di cinema prima che essere un buon horror. Ovviamente occorre amare il bianco e nero e certi ritmi ma non si tratta comunque di un film noioso. Chi può lo veda.

 

* Trad: "Io sono un piccolo uomo, un uomo umile. Essendo povero ho dovuto fare molte cose che non avrei voluto. Ma da quando il grande Dr. McFarlane è entrato nella mia vita, da allora posso essere defiito un uomo. Se non avessi quello non avrei nulla. Sarei solo un cocchiere e un ladro di tombe.".

Il Film e oltre...

TRIVIA

Il film è stato girato fra il 25 novembre 1944 e il 17 novembre dello stesso anno.

 

All'inizio del film viene mostrato un castello, quindi la scritta "In Edinburgh In 1831" e poi ancora il castello, un cavallo e la carrozza. Vicino al castello, però, si possono vedere due o tre macchine parcheggiate.

 

Robert Louis Stevenson, l'autore della storia da cui è tratto il film, si ispirò ad un fatto di cronaca del XIX secolo occorso in Inghilterra e relativo a due ladri di tombe: Burke e Hare. Lo stesso fatto ispirò anche i film: The Greed of William Hart (1948), Le Jene di Edimburgo (The Flesh and the Fiends, 1960), Burke & Hare - Mercanti di carne (Burke & Hare, 1972), The Anatomist (1961), Il dottore e i diavoli (The Doctor and the Devils, 1985).

TRASH

Nulla da segnalare... per ora

SPOILER

Nulla da segnalare... per ora

Mobbing... e altri mali Un aiuto per coloro che hanno subito violenza psicologica al lavoro

XXI Sex La più moderna enciclopedia sessuale online!.